Terremoto a Capracotta, Paglione: «La situazione è sotto controllo»

A proposito della notizia della scossa di terremoto di magnitudo 3.0  con profondità di circa 20.6 km registrata oggi nei pressi di Capracotta dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, il sindaco di Capracotta Candido  Paglione comunica: ″Voglio tranquillizzare tutti: la scossa di terremoto, avvertita intorno alle 16.16 in alto Molise, con epicentro vicino al comune […]

L’eremo di san Giovanni Battista sul Monte Capraro

Sulla vetta di Monte Capraro sono visibili i resti di un eremo benedettino medievale intitolato a san Giovanni Battista. L’edificio religioso è menzionato per la prima volta in un documento notarile del 1040. In quell’anno, Gualtiero Borrello, signore di Agnone e di tutte le sue pertinenze (tra cui Capracotta), dona al monastero benedettino di San […]

Referendum istituzionale del 2 giugno 1946: quando a Capracotta vinse la Monarchia

La Festa della Repubblica è una giornata celebrativa nazionale italiana istituita per ricordare la nascita della Repubblica Italiana. Si festeggia ogni anno il giorno 2 giugno, data del referendum istituzionale con cui gli italiani nel 1946 furono chiamati alle urne per decidere la forma di Stato (monarchia o repubblica) da dare al Paese al termine […]

La festa di sant’Anna e i proverbi e gli indovinelli di Oreste Conti al festival “Dialettando con il Fuoco” ad Agnone

Come trascorreva la vita durante i freddi inverni del passato nelle case delle popolazioni dell’Alto Molise? Vicino al fuoco raccontando proverbi e indovinelli rigorosamente nel dialetto locale. Proprio i riti del fuoco, il dialetto, gli indovinelli e i proverbi dei dodici Comuni della Comunità dell’Alto Molise (Agnone, Belmonte del Sannio, Capracotta, Carovilli, Castel del Giudice, […]

La fondazione longobarda di Capracotta

Thor vola con le sue capre su Capracotta. Fotocomposizione su foto di Gianni Ruffo (2019) L’immolazione di una testa di capra, una danza vorticosa, l’intonazione di un canto sacro e un banchetto rituale nel quale vengono divorate le carni dell’animale sacrificato. Potrebbe essere stato questo il rito di fondazione di Capracotta celebrato da parte di […]

Una piazza a San Pietro Avellana per il medico capracottese Vincenzo Di Tanna

Vincenzo Di Tanna è stato l’ultimo tradizionale medico di famiglia, residente e a tempo pieno in San Pietro Avellana, paese medaglia d’argento al valore civile, posto a quota 960 metri, conosciuto come una delle capitali del tartufo. Possiamo dire che, dopo di lui, i medici sono ormai a scavalco e devono, quindi, venire dai centri […]

Concorso letterario 2013, primo premio: “Tempi di guerra: l’incontro con i tedeschi a Capracotta” di Alfonso Di Sanza

Alfonso Di Sanza riceve il premio dal consigliere regionale Nico Ioffredi Mentre i giorni sempre più tiepidi dell’estate del 1943, lasciavano presagire l’imminente arrivo dell’autunno, mio padre, Giuseppe, allora diciassettenne, insieme ai genitori Alfonso e Lida, s’incamminava da San Pietro Avellana, verso il luogo che da quel momento in poi, e precisamente fino al termine […]

Tempi di guerra: l’incontro con i tedeschi a Capracotta

Giuseppe Pietro Domenico Di Sanza d’Alena Pubblichiamo il testo “Tempi di guerra: l’incontro con i tedeschi a Capracotta”, vincitore della quarta edizione del concorso letterario di Capracotta. L’autore, Alfonso Di Sanza, è appassionato di storia, genealogia e araldica. Ha realizzato diverse iniziative (sito web casadalena.it premiato con lo Scudo d’Oro 2010 dal Centro Studi Araldici) […]

Eccellenza Capracottese 2013, gli interventi dei vincitori: Franco Valente

Francesco Di Rienzo: Passiamo dalle produzioni agricole tipiche a un altro settore di cui siamo convinti che Capracotta sia ricchissima: l’arte, la storia e la cultura. Perciò, invitiamo sul palco l’architetto Franco Valente. Franco Valente è nato a Venafro da madre capracottese, Amelia Santilli. Ho qui la biografia di Franco: lunghissima, lunghissima, lunghissima… Architetto, ha […]

Quilli iuorni: nel 1171 tra S. Pietro Avellana e Capracotta due delle parole più antiche della lingua italiana

Monte Miglio nel territorio di S. Pietro Avellana Il memoratorium, per dirla in latino, è una “notitia brevis pro modernis et fucturis temporibus … ad memoriam retinendam” ovvero è una notizia breve da tenere nella memoria per i tempi moderni e futuri. Se ne fa grande uso nei documenti che vanno dal IX al XII secolo. Uno […]