«S’ qualcun’ l’ara accid’ a quiss, quir’ so Ji! Però ueà a chi me re tòcca»

La Taverna di Cerrosecco nel Comune di Ripabottoni Taverna di Cerrosecco, Ripabottoni, anni Trenta del secolo scorso: una bella struttura in pietra lavorata sulle ultime balze molisane prima della grande pianura pugliese del Tavoliere, al centro della via della transumanza e del piccolo commercio, posto di ristoro dei viandanti e dei loro cavalli. Un incontro casuale […]

Chi pǝ’ Sand’Andognǝ nǝn è armǝnutǝ…

Il 13 giugno la Chiesa Cattolica celebra sant’Antonio di Padova. E’ uno dei santi più amati dalla comunità capracottese. Il nome “Antonio”, al maschile e al femminile, è attestato in numerosi documenti antichi della nostra cittadina. La “sua” chiesa, situata alla fine del Corso anch’esso dedicato al religioso portoghese, è citata già nell’Apprezzo del 1671 […]

Capracotta nella Galleria delle carte geografiche dei Musei Vaticani

Capracotta nella carta dell’Apulia. Foto: Sebastiano Trotta C’è un pizzico di Capracotta… nei Musei Vaticani, il museo nazionale della Città del Vaticano, a Roma. Lungo l’itinerario che conduce alla famosa Cappella Sistina, il visitatore attraversa un lungo corridoio, la cosiddetta “Galleria delle carte geografiche”, sulle cui pareti può ammirare quaranta carte delle regioni d’Italia fatte […]

Fatti & misfatti dei pastori transumanti capracottesi in Puglia

I pastori. Anno 1910. Foto: Archivio Cav. Giovanni Paglione L’Archivio della Dogana di Foggia conserva gli atti relativi ai vari processi che nel corso dei secoli, sono stati celebrati presso il suo Tribunale: Capracotta e i capracottesi hanno avuto un ruolo determinante anche in queste circostanze.  Anni orsono mi presi la briga di estrapolare tutto […]

Pastori e massari a Capracotta

La foto (del 1910) rappresenta Giovanni Paglione (il fotografo) assaggiatore di ricotta (o “mangiatore di ricotta” del celebre quadro di Vincenzo Campi, 1580). E’ notorio che la ricotta è un sottoprodotto ma nel caso specifico la degustazione esemplifica un quadretto di storia socio-economica. La Civiltà dei Tratturi va verso il declino conclusivo (qualche decennio e poi la […]

Capracotta e la transumanza

Il palazzo dell’ex Dogana della mena delle pecore a Foggia Il tema della transumanza è stato già trattato in altre circostanze su questo sito. La pastorizia è stata per Capracotta il fattore determinante che le ha consentito una graduale crescita economica, fulcro del miglioramento delle condizioni di vita dei suoi abitanti. La “Dogana della mena […]

Un emigrante inaspettato: l’arciprete Agostino Bonanotte

Capracotta dalla vetta di Monte Capraro 1905

Una cartolina di Capracotta dalla vetta di Monte Capraro del 1905. Da una foto del Cav. Giovanni Paglione Tra i tanti emigranti che da Capracotta hanno preso la strada dell’America, una figura particolare è senz’altro quella dell’arciprete della chiesa di Santa Maria in Cielo Assunta, Agostino Bonanotte. Nel libro edito nel 2016 dalle Edizioni Artificio, […]

Capracotta e la transumanza

P

Pastori a Capracotta. Inizi Novecento. Foto: Cav. Giovanni Paglione La transumanza è patrimonio culturale dell’Unesco. Lo ha deciso ieri il Comitato intergovernativo riunito a Bogotà in Colombia. Il riconoscimento riguarda tutta l’Italia, dalle Alpi al Tavoliere: dal Trentino Alto Adige fino alla Basilicata passando per attuali luoghi simbolici della transumanza molto vicini geograficamente o storicamente alla […]

Settembre, andiamo. È tempo di migrare

P

I pastori. Anno 1910. Foto: Archivio Cav. Giovanni Paglione Con l’arrivo del mese di settembre, i pastori capracottesi salutavano le proprie famiglie per recarsi in Puglia al seguito delle greggi transumanti. L’addio, secondo la tradizione, avveniva presso la chiesetta della Madonna di Loreto. Pubblichiamo per l’occasione la celebre lirica “I Pastori” del poeta Gabriele D’Annunzio […]

Me ne vuogli’ ì a Capracotta

Una canzone dei pastori della transumanza ricordata e segnalata da Maria Delli Quadri:   Me ne vuogli’ ì a Capracotta, me la vuoglie truvà na brutta fatta, basta ca  è bona pe’ la notte, ca ru iuorne la chiude dendr’a l’arca. L’ belle so’ de Scanne e de Frattura uocchie nerille de la Valle scura, e […]